Eppan Herbst Schloss Gandegg
Eppan Herbst Schloss Gandegg

Egno von Eppan

Egno von Eppan è uno dei discendenti della famiglia dei Conti d’Appiano.

Egno von Eppan, fu vescovo delle città di Trento e di Bressanone. Appare per la prima volta in documenti scritti del 1233, come canonico della città di Trento. Dal 1240 fu vescovo di Bressanone. La Chiesa, così facendo, si garantì la protezione dei Conti di Appiano, da alcuni nobili che miravano alle loro proprietà.

Egno von Eppan non riuscì però nel suo intento di mediatore tra la nobiltà e la Chiesa. Nel 1240, dopo l’inasprimento dei rapporti tra Federico II e Papa Gregorio IX, Egno venne scomunicato, perché sosteneva le ragioni dell’imperatore. Egno era fratello di Gottschalks, decano del Duomo di Trento fino al 1300. In seguito alla guerra con i Conti del Tirolo, Egno dovette cedere tutte le sue proprietà al conte Alberto III di Tirolo e a suo genero. Un’alleanza con il conte Meinhard III consentì ad Egno von Eppan di riavere almeno Castel Veldes.
Sotto il papato di Innocenzo VI, Egno manifestò la sua fedeltà al papa, grazie alla quale - nel 1250 - divenne Principe vescovo di Trento.
Egno von Eppan morì a Padova e con lui, la dinastia dei conti von Eppan si estinse.

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere

Alloggi consigliati

Suggerimenti ed ulteriori informazioni