Cenni storici su Appiano

Il comune d’Appiano comprende il territorio vitivinicolo più grande dell’Alto Adige.

Un tempo Appiano apparteneva all’Impero romano, infatti nel 2010 a San Paolo è stata ritrovata una Villa romana. La Villa risale al 4. secolo d.C.
La località d’Appiano, viene menzionata per la prima in documenti scritti risalenti al 590 d.C. con il nome Appianum. Successivamente nel 845 d.C il nome riappare in documenti riguardanti un certo Fritari di Appiano.

Un altro segno distintivo per quanto riguarda l’architettura nel comune d’Appiano, è lo stile dell’Oltradige. Finestre a doppio arco, costruzioni in pietra arenaria con elementi architettonici rinascimentali ed una particolare architettura interna danno ai paesi ed ai vicoli d’Appiano un fascino del tutto particolare. Non dimentichiamoci delle oltre 180 residenze, rocche, rovine e castelli che si integrano perfettamente con il paesaggio circostante.

  1. Max Sparer

    Il pittore Max Sparer è nato a Termeno e trascorse la maggior parte delle sue…  leggi l'articolo

  2. Sepp Kerschbaumer

    Il combattente per la libertà dell’Alto Adige Kerschbaumer gettò le prime basi per…  leggi l'articolo

  3. Egno von Eppan

    Egno von Eppan era uno dei discendenti della famiglia dei conti d’Appiano.  leggi l'articolo

  4. Johann Georg Platzer

    L’artista Johann Georg Platzer era un pittore dell’epoca barocca e visse ad Appiano.  leggi l'articolo

suggerimenti ed ulteriori informazioni